mipiacefacebook
Pubblicato il 15 feb , 2013 in Drammatico

Chiedi Alla Polvere


ChiediAllaPolvereNella Los Angeles polverosa della Grande Depressione si incontrano lo scrittore italo-americano Arturo Bandini e la cameriera messicana Camilla Lopez. Lui sogna di scrivere il romanzo della vita, di vestire come William Holden e di amare bionde platinate, lei, più modestamente, di sposare un WASP (White Anglo-Saxon Protestant), di sostituire le huarachas (sandali) coi tacchi e di “correggere” il cognome Lopez in Parker o in Smith. Diversi per estrazione etnica e culturale, davanti alle discriminazione della città californiana finiranno per corrispondersi e per innamorarsi. Bandini, ispirato dalla sua musa, scriverà il romanzo che lo consacrerà al successo.
Da trent’anni il regista Robert Towne, sceneggiatore di Chinatown, sognava di trasporre per lo schermo il romanzo di John Fante Chiedi alla polvere. Un progetto nato dall’amore per la sua città, Los Angeles, e per il suo cantore abruzzese, Fante, vissuto in Colorado e cresciuto come artista nella polvere dell’Est e del Middle West, soffiata sul quartiere di Bunker Hill. Ma se l’amore di Bandini per Camilla fu capace di trasformarsi in uno dei romanzi più intensi della letteratura americana del Novecento, quello del regista per Fante e la sua arte non riesce ad andare oltre a un melodramma ben fatto e ben recitato, in cui a mancare è soprattutto Los Angeles, il terzo “personaggio” che Fante pensò, per le sue barriere ideologiche, come tragico ostacolo alla passione di Arturo e Camilla. La Los Angeles di Towne, ricostruita in Sudafrica e privata di tutte le interferenze della sua storia economica e politica finisce per vivere nella mente del pubblico come una leggenda favolosa perdendo la sua dimensione reale. Lontana, troppo lontana, dalla città percorsa dalle pagine polverose di Fante ed ereditata da quelle alcoliche di Bukowski, incessantemente bagnata dal sole in cui si diffonde e si disperde il sogno americano di Arturo e Camilla. Il loro amore melodrammatico e impossibile, verdiano nel film (la tisi di Camilla) e donizettiano per Fante (la follia e la fuga), mantiene intatta anche nella trasposizione cinematografica la denuncia sociale del romanzo: il pregiudizio odioso contro il diverso da sé. Salma Hayek è coraggiosa e selvaggia come la sua terra, Colin Farrell appassionato e sconfitto come John Garfield…

 

 

 

Versione: Video: DvdRip – Audio: Ac3 – Qualità V:10 – A:10
Streaming:

PutLocker
NowVideo
VK

Download:
Uploaded
LikeUpload
RapidGator
NowDownload










Se hai Gradito il Nostro Lavoro Clicca su uno dei Pulsanti Qui sotto!